Bari, online il bando per gestione attività porta unica di accesso per integrazione servizi socio-sanitari

Il servizio è fondamentale
logo BariBARI – È in pubblicazione sul sito istituzionale del Comune, a questo link , il bando per la gestione delle attività della P.U.A. (Porta unica di accesso) e connesse all’istruttoria delle richieste di assistenza socio-sanitaria complessa per interventi integrati tra i servizi socio-assistenziali del Comune e i servizi sanitari della Asl.

E’ un servizio fondamentale la cui funzione è garantire a tutte le famiglie presenti sul territorio barese l’accesso alla rete dei servizi sociosanitari, la semplificazione delle procedure, l’integrazione socio sanitaria del caso e tempi certi per la presa in carico. L’individuazione di un punto unico e di una procedura unitaria di accesso al sistema del welfare comunale socio sanitario facilita il perseguimento di alcuni obiettivi del servizio pubblico, a cominciare dal superamento della frammentarietà della risposta e della corretta ed appropriata valutazione del bisogno di ogni singolo utente.
Il sistema del welfare comunale che dialoga e collabora con tutti gli altri enti che offrono sul territorio servizi socio sanitari è molto complesso e diversificato, così come l’utenza e i bisogni a cui dobbiamo far fronte – dichiara l’assessora al welfare Francesca Bottalico – per questo crediamo che la PUA possa essere uno strumento utile a i cittadini per accedere e usufruire dei servizi socio sanitari e agli enti per migliorare la qualità e la tempestività della risposta assistenziale e garantire la continuità delle cure. attraverso un processo unico per la presa in carico della persona e dei suoi bisogni ci offre la possibilità di “governare” opportunamente ogni singolo caso, valutare in maniera coordinata la risposta e soprattutto organizzare una risposta e un interveto che sia specifico, mirato e integrato, così da ridurre i rischi di frammentazione e dispersione delle risposte ai bisogni assistenziali che diventano sempre più complessi”.

La PUA è chiamata a svolgere i seguenti compiti:

1. fornisce informazioni ai cittadini sui diritti e le opportunità sociali, sui servizi e gli interventi del sistema locale dei servizi sociosanitari, nel rispetto dei principi di semplificazione, trasparenza e pari opportunità nell’accesso;
2. individua il bisogno e attiva gli altri referenti territoriali della rete formale per un approfondimento della richiesta dell’utente;
3. accoglie la domanda di assistenza domiciliare, semiresidenziale e residenziale, a gestione integrata e compartecipata, proveniente dalla rete formale (MMG/PLS, medici della continuità assistenziale, distretti sociosanitari, strutture sovradistrettuali, ospedali, servizio sociale professionale, uffici dei servizi sociali dei comuni singoli e/o associati);
4. verifica i requisiti di ammissibilità per la predisposizione dell’intervento
5. garantisce il raccordo operativo con la UVM ( Unità di valutazione multidimensionale) , attraverso la gestione dell’agenda, l’organizzazione dei lavori e la calendarizzazione delle sedute della stessa convocate dalla Direzione del Distretto.

L’appalto ha per oggetto la gestione di tutte le attività, sia di front-office che di back office, di competenza del Comune di Bari, relative alla PUA, anche quale segreteria organizzativa dell’U.V.M. (Unità di valutazione multidimensionale).

Gli aggiudicatari del servizio dovranno interfacciarsi costantemente con l’amministrazione comunale, con la ASL e con tutta la rete di soggetti che si occupano della gestione degli interventi socio sanitari sul territorio.

Al fine di una migliore integrazione della rete dei servizi del welfare d’accesso, vista l’analogia delle attività previste con quelle del Segretariato sociale, l’Amministrazione potrà prevedere un’organizzazione del servizio che sia funzionale al completamento delle attività degli sportelli decentrati di Segretariato sociale.

La gara ha previsto un importo a base d’asta di 408mila euro finanziati con fondi del civico bilancio e sarà aggiudicato in favore dell’offerta economicamente più vantaggiosa e avrà durata triennale.

Ai sensi dei vigenti regolamento comunale e regionale, possono partecipare alla gara soggetti privati senza finalità di lucro, soggetti del terzo settore e soggetti con finalità di lucro operanti nell’ambito dei servizi alla persona, in forma individuale o associata, secondo le modalità specificate nell’avviso.

I requisiti di partecipazione e le modalità di presentazione dell’offerta-progetto sono indicati nel bando in pubblicazione.