Bari, in pubblicazione l’avviso per individuare gli utenti dei centri ludici per la prima infanzia

I centri sono finanziati con fondi PAC

logo BariBARI – Come noto il Comune di Bari attiverà due Centri ludici destinati alla prima infanzia, finanziati con fondi PAC Infanzia – 1° Piano di Riparto (decreto Ministero dell’Interno- Autorità di gestione fondi PAC n. 083/PAC del 10/06/2014) presso due strutture di proprietà comunale.

Da oggi è in pubblicazione l’avviso per selezionare gli utenti del servizio, completo del modulo di domanda. Entrambi sono disponibili sul sito del Comune, a questo link , e ritirabili presso gli uffici della POS Coordinamento Politiche sociali minori e famiglie, in piazza Chiurlia 27, il lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 10.00 alle 12.00.

Il servizio, che sarà attivato presso il centro sociale del parco Don Tonino Bello, a Poggiofranco, e la scuola Melo, a Libertà, consentirà ai bambini di incontrare loro coetanei e sperimentare momenti di socializzazione, gioco e apprendimento, e agli adulti che se ne prendono cura di conciliare i tempi di vita-lavoro e avere un punto di riferimento qualificato al quale rivolgersi il sostegno genitoriale e le esigenze educative.

Ciascuna struttura accoglierà fino a un massimo di 50 bambini, quattro dei quali diversamente abili, nei due turni giornalieri (ore 8.30/13.30 e 14.30/19.00). I centri saranno aperti dal lunedì al venerdì, nelle due fasce orarie indicate, e nella giornata del sabato dalle ore 8.30 alle 13.30.

I due nuovi centri – commenta l’assessora al Welfare Francesca Bottalico – che vanno ad aggiungersi alla rete delle strutture e dei servizi di welfare rivolti a minori e famiglie rappresenteranno un sostegno fondamentale ai genitori dei piccoli, consentendo loro di conciliare al meglio i tempi di vita e di lavoro. Un obiettivo ambizioso, quello di dotare la città di un servizio pubblico rivolto alla primissima infanzia, ad oggi inesistente, che ci permetterà di coinvolgere 100 bambini con le loro famiglie. La realizzazione dei due centri ci offre non solo l’occasione di valorizzare spazi pubblici in due quartieri sprovvisti di strutture dedicate ai più piccoli, ma anche di farli tornare a vivere pienamente. Gli spazi della scuola Melo, al quartiere Libertà, sono a tutt’oggi sottoutilizzati, mentre la struttura nel parco don Tonino Bello, purtroppo, viene continuamente vandalizzata. L’avviso in pubblicazione da oggi, che è finalizzato a raccogliere le domande di quanti avranno la necessità di rivolgersi al centro ludico, ci consente di accelerare i tempi in attesa che vengano realizzati i necessari interventi di ripristino dei luoghi individuati. La strategia messa in campo dall’amministrazione in favore della primissima infanzia si arricchirà a breve della realizzazione della Casa dei bambini e delle bambine, per l’allestimento e la gestione della quale è pronto il bando che andrà in pubblicazione nelle prossime settimane”.

Il “Centro ludico prima infanzia”, gratuito per gli utenti, è rivolto ai bambini di età compresa tra i 3 e i 36 mesi, nonché ai bambini diversamente abili della stessa fascia d’età, che non frequentino i nidi comunali, e a chi ha in carico la loro crescita e formazione (genitori, parenti o altro), purché residenti nel Comune di Bari.

Nella redazione della graduatoria dei beneficiari, maggior punteggio sarà riconosciuto ai nuclei familiari in cui non siano presenti entrambi i genitori o sia presente una solo figura genitoriale, e ai nuclei familiari in cui entrambi i genitori – o chi ha in carica la crescita dei minori – lavorino.

La domanda, compilata e sottoscritta da uno dei genitori del bambino/a o da chi ha in carico la sua crescita e formazione, dovrà essere recapitata a: Comune di Bari – ripartizione Servizi alla persona – POS Coordinamento Politiche sociali minori e famiglie – largo Chiurlia, 27 – 70122 Bari, entro le ore 12.00 del 7 dicembre 2015.

Per informazioni e assistenza circa l’avviso, la domanda e le modalità di compilazione della stessa, le famiglie potranno rivolgersi, alla dott.ssa Riccardina Soldano (tel. 080/5773902) e alla dott.ssa Daniela Maria Lamarca (tel. 080/5773936).