Bari in Jazz 2015

Dal 16 giugno al via l’undicesima edizione. Il programma completo

BARI – Martedì 16 giugno, con la firma del protocollo di intesa tra i comuni dell’hinterland barese e il concerto delle Brass Band del Conservatorio Nicola Piccinni di Bari, verrà inaugurata l’XI edizione del Bari in Jazz Festival che quest’anno si svolgerà su tutta l’area metropolitana del capoluogo pugliese.

Manu KatcheDa mercoledì 17 giugno, con il doppio concerto dei Nishtiman, ensemble composta da musicisti provenienti dai differenti paesi che comporrebbero il Kurdistan (alle ore 17 al C.A.R.A. – Centro di accoglienza per richiedenti asilo di Bari – alle ore 22 a Valenzano in Piazza San Benedetto), si aprirà la programmazione musicale che vede la presenza di artisti del calibro di Manu Katché, Amalia Gré, Hamid Drake, Franco D’Andrea, Luca Aquino, Musica Nuda (Petra Magoni & Ferruccio Spinetti), Paolo Angeli, Bluebeaters, Dado Moroni, Massive 4, Nancy Viera e Guillarme Perrett.

«Il cuore del jazz è nell’improvvisazione. Chiamiamolo come pare a noi ma il presente conta infinito. Evoluzione e sperimentazione sono gli ingredienti dell’edizione 2015 del Bari Jazz.» – commenta Koblan Amissah, organizzatore della rassegna – «La lezione di Miles è non voltarsi, zero risentimenti e prospettiva solida alla Gaspard Monge. Noi abbiamo comunque pensato di dare una sbirciata al passato. I suoni della metropoli, colorati dalla veemenza di una musica sempre attuale che, con un glorioso passato ancora dietro le porte, contamina il mondo dei giovani. L’improvvisazione è dei bimbi».

IL PROGRAMMA COMPLETO:

Simone CecchettiEcco tutti gli appuntamenti della rassegna: Nishtiman (Bari e Valenzano – 17 giugno) Massive 4 – Kekko Fornarelli, Walter Beltrami, Mats Eilertsen, Robert Mehmet (Gioia del Colle – 19 giugno), Musica Nuda (Gioia del Colle – 20 giugno), Nancy Viera e Amalia Gré (Polignano – 21 giugno), Eivind Aarset / Michele Rabbia Duo (Polignano – 22 giugno), Guillaume Perrett e, a seguire, Mop Mop Dj Set (Bari – 24 giugno), Manu Katché (Bari – 25 giugno), The Bridge Quintet (Alberobello – 26 giugno), Hamid Drake / Pasquale Mirra (Albertobello – 27 giugno), Dado Moroni (Turi – 28 giugno), Cristina Zavalloni (Conversano – 29 giugno), Ebo Taylor (Acquaviva – 30 giugno), Franco D’Andrea (Gravina – 1 luglio), Paolo Angeli (Sannicandro – 2 luglio), Favata Zanisi Gallo Ut Ghandi (Sannicandro – 3 luglio), Luca Aquino e, a seguire, Kristin Asbjørnsen – Olav Torget duo (Giovinazzo – 4 luglio) e Bluebeaters (Molfetta – 6 luglio).

L’evento, giunto alla sua XI edizione, sarà caratterizzato quest’anno dalla diffusione su tutta l’area metropolitana degli spettacoli in programma, che prevede 23 performance live di musicisti nazionali, internazionali e talenti locali della musica jazz. Si prevede quest’anno un’affluenza di circa 20.000 persone.

L’associazione culturale ABUSUAN organizza da 10 anni il festival Bari in Jazz, rassegna che da oltre un decennio costituisce una delle manifestazioni di punta dell’estate pugliese. E’ un festival di musica e incontri, produzioni esclusive e ospiti internazionali, concerti e iniziative imperniate sulla grande musica improvvisata, afro-americana ed europea. Un’ esperienza importante con il jazz di qualità, con i mille linguaggi del jazz, che ha visto la firma della direzione artistica, per otto anni, del sassofonista Roberto Ottaviano e, negli ultimi due anni, del trombonista Gianluca Petrella. Il Bari in jazz offrendo una visione globale ma anche locale da ben dieci anni ha ospitato talenti e figure rilevanti del panorama musicale contemporaneo come Michel Portal, Ivan Lins, Wayne Shorter, Tomasz Stanko, Bombino e Maria Joao.

INFO – Per ricevere ulteriori informazioni sono disponibili i seguenti canali: www.bariinjazz.it; www.facebook.com/BariInJazz; twitter.com/bari_in_jazz