Bari, approvati lavori complementari per efficientamento energetico dello Stadio del Nuoto

La proposta è dell’assessore Galasso

ripresa lavori waterfront bariBARI – Su proposta dell’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso, la giunta ha approvato il progetto di completamento dei lavori di efficientamento energetico dello Stadio del Nuoto. Gli interventi, dell’importo di circa 97mila euro, consentiranno di portare a termine le opere di riqualificazione della struttura finanziate con 900mila euro attraverso i fondi del P.O.I. Energie rinnovabili e Risparmio energetico 2007/2013. Questi interventi complementari, non preventivabili in fase progettuale, si sono resi necessari a seguito dell’avvio delle opere e rappresentano la soluzione a circostanze e aspetti di dettaglio legati essenzialmente all’esecuzione del progetto. Nel dettaglio, i lavori riguardano la bonifica dei canali di areazione, la realizzazione di canali di ripresa aria ambiente, l’installazione di elettropompe di ricircolo per acqua calda sanitaria e di nuove valvole di sicurezza per le centrali termiche, l’implementazione del sistema di supervisione della termoregolazione, l’installazione di un deumidificatore per la vasca di 35 metri, di nuovi quadri elettrici a servizio della vasca di 35 e 50 metri e di nuove condotte fumarie per la tipologia delle centrali termiche installate.

Abbiamo dovuto completare con alcuni interventi la ristrutturazione dello Stadio del Nuoto – sottolinea l’assessore Galasso – portando così a compimento l’efficientamento energetico della struttura”.

Con questi ultimi lavori completiamo un intervento su cui abbiamo investito tanto – commenta l’assessore allo sport Petruzzelli -. L’efficientamento dell’impianto sportivo rappresenta un tassello importante nel percorso di ammodernamento delle strutture sportive della città. Lo sport è è ormai per Bari una leva di attrazione turistica a tutti gli effetti e per raggiungere gli importanti traguardi che ci siamo prefissati, abbiamo bisogno di ottimizzare tutte le nostre strutture“.