Bari per Bene al quartiere Libertà

Decaro: “Una sfida difficile ma entusiasmante”

logo BariBARI – Dai prossimi giorni entreranno nel vivo le attività di coinvolgimento e comunicazione propedeutiche all’avvio di Bari per Bene, promosso dall’amministrazione comunale, che si concentrerà nella sua quarta tappa sul quartiere Libertà.

Il sindaco Antonio Decaro, l’assessore all’ambiente Pietro Petruzzelli e la presidente del I Municipio hanno presentato il progetto questa mattina in conferenza stampa.

A partire dal 7 gennaio e per circa tre mesi l’amministrazione comunale, il I Municipio e le aziende municipali saranno impegnati in una serie di interventi di manutenzione e riqualificazione del quartiere, garantendo pulizia e decoro degli spazi pubblici, chiedendo però ai cittadini di partecipare attivamente alla cura della città in cui vivono.

Il progetto Bari per bene si sposta nel quartiere Libertà: un quartiere variegato nella sua composizione demografica e sociale che ha quasi esclusivamente origine popolare e operaia, ma che nel tempo si è arricchito nella propria composizione sociale di una classe media, attraendo – per prossimità e prezzi immobiliari – studenti universitari fuori sede e giovani immigrati.

Nel quartiere Libertà si concentra il maggior numero di famiglie (il cui 30% è composto da nuclei superiori ai 5 componenti) con la fascia di popolazione più giovane, considerando che i bambini sino a 9 anni rappresentano quasi il 10% dei residenti (+6% della media cittadina). In questa zona della città sono inoltre in corso i maggiori investimenti sulla riqualificazione sociale e urbanistica che l’amministrazione comunale ha programmato tra gli obiettivi di mandato e che sta attuando.

Alcuni esempi degli interventi in corso o in fase di progettazione che interessano il quartiere Libertà sono: Porta Futuro e l’operazione di riqualificazione complessiva dell’ex Manifattura dei tabacchi, con la collaborazione di altri enti; riqualificazione urbana dell’area circostante la chiesa del Redentore; completamento della bonifica e successiva riqualificazione dell’ex Gasometro; miglioramento della viabilità del quartiere con la costruzione del Ponte dell’asse nord sud; realizzazione del primo centro ludico pubblico per la prima infanzia e creazione di spazi pubblici per valorizzare le energie giovanili.

Centrale per la riuscita del progetto Bari per bene, e per lo sviluppo positivo delle politiche che l’amministrazione sta portando avanti, sarà il coinvolgimento dei cittadini residenti, i veri protagonisti del “patto di cittadinanza” che ha come obiettivo quello di migliorare lo stato dei luoghi e degli spazi pubblici. Perché senza la collaborazione dei cittadini e senza il loro impegno al rispetto delle regole e dei beni pubblici, gli interventi dell’amministrazione non sarebbero comunque sufficienti.

Il quartiere Libertà – spiega il sindaco Antonio Decaro – è uno dei quartieri più complessi della città di Bari ma anche il quartiere più bello, quello su cui dobbiamo investire di più. È una sfida difficile che possiamo vincere solo se giochiamo tutti nella stessa squadra. Per questo noi abbiamo scelto di inserire tra le nostre priorità di governo la riqualificazione sociale e fisica della Manifattura Tabacchi, uno dei luoghi simbolo e riferimento del quartiere sul quale abbiamo dirottato investimenti di risorse e relazioni, rendendolo cosi nuovamente centro di attività e scambi sociali e commerciali che possono migliorare la vita dei cittadini. Bari per bene al Libertà non è un mero progetto di manutenzione e decoro urbano ma un investimento sul futuro dell’intera città. Bari per bene però si compone essenzialmente di due parti: la nostra proposta e l’impegno dei cittadini al rispetto delle regole. È qui che ci giochiamo la vera partita: al quartiere Libertà dobbiamo essere in grado di portare dalla nostra parte i cittadini per bene e farli diventare sempre di più”.

Stiamo lavorando sul quartiere già da tempo – dichiara l’assessore all’ambiente Petruzzelli – come potete vedere dalle rastrelliere che stiamo installando nei pressi della scuola Don Bosco e da altri interventi sulla Manifattura tabacchi. Sappiamo bene che questo progetto sarà per noi un banco di prova sia sulla nostra capacità di intervenire sulla città coinvolgendo i cittadini partendo dalle piccole cose per arrivare ai grandi cambiamenti che il quartiere deve affrontare. Le grandi battaglie partono sempre dalle piccole cose ed è per questo che cominciamo a boicottare le attività commerciali temporanee che affiggono abusivamente i manifesti sui muri imbrattando la città. La Polizia Municipale ha già cominciato a sanzionare i trasgressori e continueremo a farlo”

Bari per bene è un progetto molto atteso dal quartiere – dichiara la presidente del I Municipio Micaela Paparella – e tutta la struttura del Municipio è pronta a collaborare. In queste settimane stiamo incontrando cittadini e associazioni che sicuramente ci aiuteranno a lavorare sul quartiere”.

.

Obiettivi prioritari del progetto Bari per bene – Libertà

* MOBILITÀ: piano straordinario per l’introduzione della ZSR;
* POLIZIA MUNICIPALE: incremento dei presidi di legalità nelle aree di maggiore frequentazione;
* PULIZIA: sperimentazione di nuovi sistemi di monitoraggio del servizio;
* RACCOLTA DIFFERENZIATA: riorganizzazione postazione dei cassonetti, progetti di educazione civica nelle scuole;
* SPAZI PUBBLICI: manutenzione e gestione di giardini, piazze e tutti i luoghi di aggregazione del quartiere.

Interventi programmati dal 7 gennaio

Saranno 60 gli interventi di manutenzione urbana che l’amministrazione attiverà nei prossimi mesi per assicurare ai cittadini tutti gli strumenti utili a prendersi cura del quartiere: installazione nuovi posacenere e nuovi cestini da palo, installazione e revisione cestoni a terra in alcuni luoghi particolarmente frequentati, installazione cestini per la raccolta di deiezioni canine, sistemazione segnaletica verticale, arredo urbano in piazza Redentore, mappatura e razionalizzazione delle postazioni di cassonetti e delimitazione con strisce gialle, manutenzione segnaletica orizzontale, realizzazione della ZSR con revisione degli stalli, revisione stalli motorini e stalli dedicati disabili, stalli carico/scarico, revisione sosta in alcune strade, manutenzione verde scuole, giardini e altro verde pubblico, potatura alberi, pulizia straordinaria sottoponti corso Italia, eliminazione scritte edifici scolastici, pulizia pavimento piazza Risorgimento, pulizia tunnel pedonale via Brigata Bari, manutenzione e attivazione impianto pubblica illuminazione parcheggio ex Manifattura tabacchi in modo da renderlo fruibile, pulizia straordinaria zone critiche, sistemazione marciapiedi, installazione rastrelliere nei pressi degli edifici segnalati, realizzazione scivolo biciclette per accedere al sottopasso di via Quintino Sella, istituzione servizio bus navetta per il cimitero, istallazione della casa dell’acqua nei pressi della piazza del Redentore.

Nell’ambito della riorganizzazione dei servizi, è prevista l’attivazione di percorsi piedibus con le scuole della zona a partire dal prossimo mese di marzo in via sperimentale.

In aggiunta agli interventi programmati, sono previsti anche interventi cosiddetti “a chiamata” che saranno inseriti nella programmazione a seguito degli incontri con i cittadini e gli stakeholder del quartiere.

Fino al 7 gennaio, l’amministrazione sarà impegnata a coinvolgere cittadini, istituzioni e associazioni in un percorso partecipato che permetterà di individuare strategicamente eventuali interventi ritenuti prioritari e relative modalità di azione, così da coinvolgere la cittadinanza nel processo di controllo successivo. Nello specifico si comincerà con incontri nelle scuole, nei mercati e nelle parrocchie.